Gli studi di settore diventano federalisti

Dall’attività di analisi del territorio e delle sue specificità sono nati tre indicatori "su misura", che consentono di differenziare l’applicazione degli studi e di adeguarli alla caratteristiche delle singole aree, rendendo questi strumenti dell’accertamento sempre più aderenti alla realtà economica in cui si muovono le imprese. Il primo indicatore, "livello di retribuzioni", è individuato a livello provinciale e considera quanto incide il costo delle retribuzioni sulla determinazione dei ricavi, in base alla specifiche realtà territoriali. Il secondo, "livello del reddito disponibile per abitante",  invece, tiene conto della capacità dei contribuenti di produrre ricavi/compensi, in funzione dei diversi livelli di benessere e del tasso di sviluppo economico che caratterizzano il luogo in cui svolgono la loro attività. L’ultimo indicatore riguarda il "livello delle quotazioni immobiliari" e nasce in particolare per gli studi delle costruzioni e quelli di valorizzazione immobiliare, differenziando il territorio nazionale in base ai valori di mercato degli immobili per comune, provincia, regione e aree territoriali.

"Costruzioni" apripista per gli studi su base regionale

Lo studio delle costruzioni è il primo elaborato su base regionale, secondo il dettato della manovra d’estate 2008 (dl 112/2008).  La regionalizzazione ha consentito di "localizzare" ben 408 differenti gruppi di imprese con caratteristiche omogenee, con altrettante conseguenti funzioni regionali di ricavo, definite in base a dimensione, struttura, modalità di acquisizione e realizzazione dei lavori, tipologia di attività e di clientela. Inoltre, secondo le linee operative dettate dal decreto Mef del 19 maggio 2009, gli Osservatori regionali, integrati con un rappresentante dell’Anci, sono entrati attivamente in campo nella valutazione dei risultati dei nuovi studi, con l’intento di calare questo strumento dell’accertamento sempre più nel territorio e garantirne un’effettiva elaborazione "su misura".

Fonte: Nuovofiscooggi.it

 

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Copyright © 2008-2018 Studio Spidalieri Termoli - All Rights Reserved