Chiusura liti fiscali: on line il software necessario

Il software necessario alla trasmissione telematica delle domande per mettere fine alle controversie fiscali di valore non superiore a 20mila euro, ancora in itinere al 1° maggio 2011, è on line sul sito delle Entrate. L’istanza di definizione agevolata delle liti pendenti minori va proposta entro il 2 aprile 2012, esclusivamente attraverso il canale web. Da oggi, quindi, il modello approvato con provvedimento del 13 settembre scorso, trova la strada per arrivare a giusta destinazione. Ma per mettere veramente un punto sulle questioni in sospeso, è necessario pagare entro il 30 novembre, con l’“F24 Versamenti con elementi identificativi”, gli importi fissati dalla norma che ha introdotto la possibilità della definizione agevolata. Nell’F24 va riportato il codice tributo 8082 (risoluzione n. 82/2011).
 
Una definizione non cumulabile
Per ciascuna lite fiscale autonoma intesa come ciascun atto impugnato, va presentata una diversa domanda ed effettuato un distinto versamento.
In particolare, le richieste possono riguardare le controversie con l’Agenzia delle Entrate sorte in seguito ad atti impositivi, il cui valore, al netto di sanzioni e interessi, non superi – come detto – i 20mila euro, pendenti in ogni stato e grado del giudizio al 1° maggio scorso, e per le quali non sia intervenuta una sentenza definitiva entro il 5 luglio, data di entrata in vigore della norma introduttiva (articolo 39, comma 11, Dl 98/2011).
 
Il “peso” della controversia determina, poi, la somma dovuta (150 euro per le liti di valore inferiore ai 2mila euro, 10% del valore se l’ultima o unica sentenza è stata favorevole al contribuente, 50% del valore se l’ultima o unica sentenza è stata favorevole all’Agenzia e 30% se non c’è stata ancora alcuna pronuncia).
 
I “beneficiari” del software
La domanda può essere presentata dai soggetti abilitati dall’Agenzia o tramite i soggetti incaricati della trasmissione telematica ovvero può essere consegnata a una qualsiasi direzione provinciale delle Entrate, che provvederà al suo invio. Soggetti incaricati e Direzioni provinciali dovranno rilasciare copia di quanto trasmesso e della comunicazione che attesta l’avvenuta ricezione da parte dell’Agenzia e che fa prova della presentazione. Il tutto va messo da parte e conservato fino alla definitiva conclusione della controversia, insieme ai documenti relativi ai pagamenti effettuati.
 
Per poter agire, gli utenti registrati a Fisconline devono installare “File Internet”, quelli registrati a Entratel devono invece utilizzare l’applicazione Entratel. I due prodotti sono prelevabili dal sito http://telematici.agenziaentrate.gov.it, nelle rispettive sezioni software.

Fonte: Paola Pullella Lucano da nuovofiscooggi.it
 
 

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Copyright © 2008-2020 Studio Spidalieri Termoli - All Rights Reserved