Definita al 4% l’aliquota IVA delle patatine fritte

Iva al 4% per le patate prefritte surgelate. Il prodotto, infatti, composto esclusivamente da patate e olio può essere assimilato agli alimenti come “ortaggi e piante mangerecce, anche cotti, congelati” per i quali è prevista l’aliquota ridotta (voce n. 6, parte II, Tabella A, Dpr 633/1972). A stabilirlo la risoluzione n. 92/E dell’1 ottobre, con cui dell’Agenzia delle Entrate chiarisce definitivamente la corretta aliquota Iva da applicare alle cessioni del prodotto.

La precisazione arriva, infatti, dopo un precedente interpello (risoluzione n. 13/E del 2004), con cui l’Agenzia aveva stabilito che scontavano l’Iva al 10% le “patate prefritte alle spezie”, prodotto contenente, a differenza di quello in esame, anche aglio, sale, rosmarino, eccetera.

La risoluzione in esame, dunque, chiarisce definitivamente i dubbi, anche sulla base del parere tecnico rilasciato alla società istante dall’Agenzia delle Dogane.

Quest’ultima, infatti, precisa che nel caso in esame il prodotto non contiene spezie o erbe aromatiche. Considera, poi, che, con l’entrata in vigore della nuova Nomenclatura combinata degli alimenti (del 1° gennaio 1988) le “patate prefritte surgelate”, senza aggiunta di altri ingredienti al di fuori di patate e olio, possono rientrare fra gli “ortaggi e piante mangerecce, anche cotti, congelati”, per i quali è prevista l’aliquota Iva al 4% (voce n. 6, parte II, Tabella A, Dpr 633/1972).

Di conseguenza, anche ai prodotti surgelati in esame si rende applicabile l’aliquota Iva del 4 per cento.

 
Fonte: r.fo. da nuovofiscooggi.it
 
 

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Copyright © 2008-2020 Studio Spidalieri Termoli - All Rights Reserved