Pratiche commerciali sleali e pubblicità ingannevole, si cambia

Istituiti, con risoluzione n. 37/E del 6 febbraio, i codici tributo 760T e 761T da utilizzare per il versamento delle sanzioni amministrative pecuniarie fino all’importo di 50mila euro e degli eventuali interessi e maggiorazioni disposte dalla Autorità garante della concorrenza e del mercato in caso di pratiche commerciali sleali e/o pubblicità ingannevole.

L’istituzione dei nuovi codici tributo si è resa necessaria a seguito della modifica normativa (articolo 9, comma 1, del decreto legge 207/2008) in base alla quale le sanzioni fino a 50mila euro vanno imputate all’apposito conto di tesoreria intestato all’Antitrust e non al bilancio dello Stato, nel quale continuano a confluire le sole somme eccedenti il predetto importo.
Di conseguenza, in relazione a queste ultime, viene soppresso il codice 754T e restano in vita i codici 752T e 753T, che assume diversa denominazione.

Nella compilazione del modello di versamento va indicato nello spazio “codice ufficio o ente” (campo 6) il codice dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato “IAE”, e nello spazio estremi dell’atto o del documento (campo 10) gli estremi dell’atto con il quale si richiede il pagamento.

Nuovo Fisco Oggi

Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Copyright © 2008-2017 Studio Spidalieri Termoli - All Rights Reserved