Modello RED: Procedura semplificata grazie all’accordo INPS – Agenzia delle Entrate

Bussa alla porta dei pensionati italiani il "bustone", il plico che contiene la documentazione necessaria per assolvere i propri adempimenti fiscali. Prende il via, quindi, anche quest’anno la campagna Red con cui l’Inps verifica le situazioni reddituali dei pensionati che incidono in qualche modo sul diritto a fruire delle prestazioni pensionistiche e con cui recupera, entro l’anno successivo, quanto eventualmente pagato in eccedenza.

Dal 1° gennaio 2010, in base a quanto introdotto dal Dl 78/2009, l’Agenzia delle Entrate deve trasmettere all’Inps le informazioni reddituali in proprio possesso relative ai contribuenti titolari delle prestazioni collegate al reddito e, in alcuni casi, anche dei loro familiari.
Quindi, se il contribuente ha già presentato dichiarazione al Fisco non dovrà compilare il modello Red, perché l’Inps acquisirà direttamente dall’Agenzia delle Entrate le informazioni necessarie.
I pensionati dovranno compilare il modello Red solo quando non hanno comunicato i propri redditi all’Amministrazione fiscale o perché esonerati dall’obbligo della dichiarazione o perché nel 2009 abbiano conseguito redditi esenti da Irpef ma comunque rilevanti ai fini delle prestazioni Inps.
Non dovranno, invece, compilare la comunicazione Red i soggetti che, anche se esonerati dall’obbligo dichiarativo, hanno comunque presentato la dichiarazione all’Agenzia delle Entrate per, ad esempio, fruire di crediti d’imposta.
Sono previste modalità semplificate di compilazione del modello quando i redditi comunicati non sono cambiati rispetto a quelli dichiarati l’anno precedente o nel caso in cui il soggetto comunichi di non avere altri redditi oltre la pensione.

Il "bustone", che verrà inviato per email ai possessori di posta elettronica certificata, può contenere diversi documenti tra cui il modello Cud, quelli per fruire del diritto alle detrazioni, istruzioni per la compilazione della dichiarazione dei redditi e una lettera con la prima parte del codice Pin. Seguendo le istruzioni inviate, il pensionato potrà ottenere la seconda parte del codice e trasmettere quindi telematicamente la dichiarazione accedendo all’apposita sezione "Servizi al cittadino" all’interno del sito dell’Inps.

I pensionati, inoltre, potranno presentare la dichiarazione direttamente alla sede Inps competente o avvalersi dell’assistenza dei Caf e degli altri soggetti abilitati.

 

  1. paolo’s avatar

    Nella sezione “servizi al cittadino” l’inps ha aggiunto la voce “dichiarazione reddituale”. Ma una volta entrati con password e PIN nel servizio, il link NON ESISTE.

    Rispondi

  2. paolo’s avatar

    Oggi hanno inserito il link, ma il risultato non cambia. Cliccandolo, compare questa scritta:”SERVIZIO MOMENTANEAMENTE NON DISPONIBILE. CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO.”
    Non so se finora (oggi) sia stato disponibile, ma ormai ne dubito. Ma non potevano creare il servizio PRIMA di inviare il modello RED?

    Rispondi

Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Copyright © 2008-2014 Studio Spidalieri Termoli - All Rights Reserved