Canone Rai, 6 anni di galera per le false dichiarazioni

Mamma Rai non si tradisce e per un pugno di euro si rischia la galera. Hai evaso il fisco per migliaia di euro? Lo Stato ti perdona. Ma se non paghi il canone Rai, ovvero soltanto 100 euro all’anno, possono sbatterti in cella anche per sei anni. A denunciare la straordinaria follia del sistema escogitato dal governo Renzi è il portale di consulenza legale La legge per tutti. Come ormai ogni italiano ha capito il canone Rai da quest’anno verrà inserito direttamente nella bolletta della luce a partire dal prossimo luglio. Lo Stato vuole incassare a prescindere da quello che l’utente guarda in tv.

Anche se il televisore è oramai praticamente un soprammobile, anche se da anni quel consumatore segue soltanto le sue serie preferite in streaming non importa: il canone va pagato comunque. Non è nemmeno possibile chiedere di «sigillare» l’apparecchio, un escamotage previsto in passato da eseguire in presenza di una Guardia di Finanza ma che ora non è più ammesso.La tassa va pagata a meno che non si dichiari di non possedere proprio l’apparecchio. In questo caso l’Agenzia delle Entrate offre una via d’uscita. Per essere esentati per tutto il 2016 entro il 30 aprile si può inviare per raccomandata una dichiarazione con la quale si certifica che in casa non ci sono televisori. Il modulo precompilato è messo a disposizione dalla stessa Agenzia delle Entrate. Attenzione però dato che si tratta di un’autocertificazione lo Stato ha deciso di tutelarsi da eventuali «furbetti» prevedendo per chi dichiara il falso pene pesantissime addirittura un reato penale ovvero la falsa attestazione o dichiarazione ad un pubblico ufficiale.Per questo il modulo va indirizzato all’Erario un ente statale e non alla Rai.

http://www.ilgiornale.it/news/politica/canone-rai-6-anni-galera-false-dichiarazioni-1241594.html

Tags: , , , ,

Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Copyright © 2008-2017 Studio Spidalieri Termoli - All Rights Reserved