Abiti, scarpe e pelli: studio ad hoc per neutralizzare l’

Aggiornati i coefficienti che contano, per la stima dei ricavi presunti, quanto dista l’attività dal Foc più vicino

Aggiornati al 2010 i coefficienti per differenziare l’applicazione dello studio di settore "VM05U – Commercio al dettaglio di abbigliamento, calzature, pelletterie e accessori". Elaborato nel 2009, lo studio si caratterizza per contenere dei correttivi che tengono in considerazione, ai fini della stima dei ricavi presunti, la distanza dell’attività dal Factory outlet center (Foc) più vicino.

In particolare, è stata elaborata una sorta di mappa degli outlet dislocati sul territorio ed è stata studiata l’influenza che possono avere sui vicini esercizi commerciali. L’iniziativa consente di valutare i possibili effetti distorsivi dovuti al crescente fenomeno della concorrenza degli outlet, che, negli ultimi anni, hanno fortemente attratto il commercio al dettaglio di abbigliamento e calzature.

L’aggiornamento è arrivato con il decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze 22 marzo 2011 (pubblicato nella G.U. n. 74 del 31 marzo), che ha anche provveduto ad adeguare le aree territoriali comunali utilizzate per gli studi di settore, a seguito dell’istituzione dei Comuni di Comano Terme e di Ledro (in provincia di Trento). I due nuovi Enti hanno accorpato, il primo Bleggio Inferiore e Lomaso, il secondo Bezzecca, Concei, Molina di Ledro, Pieve di Ledro, Tiarno di sopra e Tiarno di sotto.

Le modifiche apportate ai gruppi e ai numeri indici precedentemente individuati, per aggiornarli alla nuova realtà territoriale, si applicano a decorrere dal periodo d’imposta 2010.

Fonte : IlFiscoOggi

Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Copyright © 2008-2018 Studio Spidalieri Termoli - All Rights Reserved